L’Italia è al primo posto in Europa per consumo di acqua: 6 accortezze per fare la differenza

Giu 6, 2018

La European Environment Agency (EEA) ha stimato che in Italia il consumo medio per abitante è pari a 241 litri al giorno. È un dato di cui non si può certo essere orgogliosi, specialmente nelle circostanze attuali in cui i cambiamenti climatici stanno progressivamente aggravando la carenza di acqua e la siccità.

Revotree offre uno strumento per risparmiare l’uso di acqua in campo agricolo, annaffiando i campi solo quando ce n’è bisogno, senza sprechi. Eppure, anche tra le mura di casa si può cambiare il proprio impatto sull’ambiente. Ecco allora 6 pratici consigli da tenere a mente per un corretto uso domestico del nostro bene più prezioso.

  1. Tenete i rubinetti aperti solo per il tempo strettamente necessario: ad esempio, chiuderli sempre mentre ci si lava i denti, ci si fa la barba, ci si depila, mentre si lavano i piatti, la frutta o la verdura nel secchiaio. Meglio riempire il lavello o una bacinella così da ricorrere all’acqua corrente solo per risciacquare. Anche per scongelare gli alimenti è consigliabile scongelarli all’aria o in una bacinella. L’acqua utilizzata per scongelare o lavare è possibile poi riutilizzarla per annaffiare le piante.
  2. Diminuire il tempo e della doccia e preferire la doccia al bagno: ogni minuto passato nella doccia consuma dai 6 ai 10 litri d’acqua, quindi, per quanto ci piaccia cantare sotto il getto caldo, è preferibile fare più attenzione a quanto tempo passiamo sotto la doccia. Il tempo giusto è tra i 7 e i 10 minuti, non di più. Chiudete il rubinetto mentre vi insaponate e riapritelo solo per il risciacquo. Inoltre, scegliendo di non fare il bagno preferendo la doccia, è possibile diminuire del 75% il consumo d’acqua, dato che riempire la vasca comporta un consumo d’acqua quattro volte superiore rispetto alla doccia.consumo di acqua
  3. Limitare l’uso dello sciacquone: siamo troppo abituati a “tirare l’acqua” anche quando non serve, scambiandolo per una pattumiera. In media, ogni volta che viene azionato, si sprecano dai 5 ai 7 litri d’acqua. Se si prova a moltiplicare questa cifra per quanto volte viene tirato lo sciacquone al giorno, si ha un’idea di quanta acqua viene sprecata inutilmente. In più, è importante fare attenzione alla cassetta del water, se bisogna ristrutturare il bagno è meglio scegliere uno sciacquone di nuova generazione che consente di usare solo 2 litri d’acqua a getto, piuttosto che i 12 litri di quelli tradizionali, risparmiando 26000 litri di acqua all’anno.consumo di acqua
  4. Scegliere elettrodomestici di classe A+ e utilizzarli correttamente: i nuovi elettrodomestici sono progettati per il risparmio dell’acqua, ma è importante fare comunque cicli di lavastoviglie e lavatrice a pieno carico (diminuendo così i consumi di acqua di 82000 litri all’anno), preferendo la sera e i weekend, evitando temperature elevate e quantità esagerate di detersivi. È importante anche una buona manutenzione degli elettrodomestici, facendo regolarmente pulizia dei filtri.consumo di acqua
  5. Applicare un riduttore di flusso ai rubinetti di casa: in questo modo l’acqua si miscela con l’aria risparmiando fino al 30% di acqua. Anche dei rubinetti è importante un controllo e una manutenzione periodica, evitando le perdite, dato che un rubinetto che perde consuma circa 5000 litri di acqua all’anno!consumo di acqua
  6. Raccogliete l’acqua piovana e quella dei climatizzatori: l’acqua dei climatizzatori e deumidificatori è distillata, perciò perfetta per il ferro da stiro, perché priva di calcare. L’acqua piovana può essere utilizzata invece per lavare l’auto o innaffiare le piante. Anche l’acqua di cottura della pasta può essere riutilizzata, ad esempio per sgrassare e lavare i piatti sporchi grazie al suo potere sgrassante.

consumo di acqua

Certo, all’inizio alcuni di questi consigli richiederanno un impegno non indifferente, tuttavia, mettendo in pratica queste accortezze di volta in volta, si arriverà ad attuarle abitualmente, senza nemmeno rendersene conto, riducendo così il nostro impatto ambientale.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo agli amici:
placeholder
Redazione / Marianna
Studentessa motivata dall’amore per l'ambiente. I cambiamenti climatici sono sempre stati un argomento di mio interesse e il mio obiettivo è quello di rendermi utile al fine di contrastarli.

Come controlli le tue piante?

Potrebbero interessarti...

rt_social_cover_news
Con Revotree l’irrigazione diventa intelligente
rt_social_cover_news_lastampa
Revotree, l’agricoltura “intelligente”
hillsview
Agenda 2030, che cos’è?