Burian: il freddo che può danneggiare i tuoi alberi

Feb 28, 2018

Tutta la pe­nisola è av­volta dalla morsa del gelo, a causa del diffuso crollo termico e delle minime che sfio­re­ranno ad­di­rittura i -10/-15 gradi in Pianura Padana. Le pre­vi­sioni dicono che fino a ve­nerdì 2 Marzo il freddo con­ti­nuerà ad at­ta­na­gliare l’Italia con tem­pe­rature sotto la media del pe­riodo di 8/10 gradi.

Il team di ilmeteo.it avvisa che fino a ve­nerdì 2 Marzo il freddo con­ti­nuerà a con­gelare, ma non solo. E’ pre­vista una nuova ondata di neve. Dopo “Burian”, in­fatti, arriva “Big Snow”: da mer­coledì po­me­riggio giungerà una per­tur­ba­zione atlantica che porterà la tanto attesa e diffusa neve anche al Nord.
Ma quali sono gli ef­fetti del freddo sugli alberi da frutto?

Il fabbisogno di freddo

Tutte le piante si sono evolute negli anni per so­prav­vivere ad un de­ter­minato clima. Una specie da climi tem­perati ha bi­sogno di “sentire” il freddo in­vernale per po­tersi svi­luppare cor­ret­ta­mente.

Per la stimare il fab­bi­sogno in freddo ci sono di­versi metodi. Il più sem­plice e usato con­siste nel calcolo del numero di ore con tem­pe­ratura in­fe­riore ai 7° C.

Durante gli in­verni miti, le piante hanno un pro­lun­ga­mento della dor­mienza, a causa del mancato sod­di­sfa­ci­mento del fab­bi­sogno in freddo, pro­vo­cando una ir­re­golare e va­riabile schiusura delle gemme e, quindi, causare un vero e proprio limite alla pro­dut­tività eco­nomica delle colture frut­ticole.

Se il fab­bi­sogno di freddo non viene sod­di­sfatto le piante possono avere:

– Un ri­tardo della ri­presa ve­ge­tativa
– La ca­scola delle gemme
– Una fio­ritura scarsa e scalare
– Delle ano­malie flo­reali

Traducendosi in una scarsa al­le­ga­gione, un ri­tardo nella ma­tu­ra­zione dei frutti che ri­sultano spesso piccoli, de­formi e di scarse qualità or­ga­no­let­tiche. Nei casi più gravi la fio­ritura può essere del tutto as­sente.

Qui potete trovare una ta­bella con il minimo di ore di freddo per coltura. Solo dopo aver su­perato questa “soglia di freddo” le gemme sono pronte a schiu­dersi in pri­mavera.

 

Specie Cultivars Ore di freddo
Mele Fuji 600
Elstar 900
Golden Delicious 700
Red Delicious 700
Granny Smith 600
Albicocco Varie 400-1000
Fico Varie Poche ore
Olivo Varie 100-300
Ciliegio Varie 700-800
Pesco Redhaven 800
Suncrest 700
Mandorlo Varie 250-500
Castagno Varie 400-600
Pistacchio Varie 800
Noce Varie 700-800
Pero Europeo Varie 700-800
Pero Asiatico Varie 300-500
Pistacchio Varie 800
Susino Europeo Stanlay 800
Susino giap­ponese Shiro 600
Burbank 400
Vite Varie 200
Kiwi Varie 700-1100

 

 

Temperature “preoccupanti” per le piante da frutto

Pesche e nettarine

 

I peschi fio­ri­scono re­la­ti­va­mente presto, prima dei ci­liegi, e sono meno re­si­stenti al gelo della maggior parte delle specie del genere Prunus. A –4 °C si possono avere danni alle gemme, mentre a i fiori ri­sen­ti­rebbero di una tem­pe­ratura at­torno ai –3 °C. Grazie ai pro­gressi della frut­ti­coltura, questi alberi sono sempre più col­tivati nei climi mag­gior­mente tem­perati o tro­picali.

Occorre pre­servare il vigore dell’albero per ga­rantire una buona di­men­sione dei frutti e la cre­scita dei ger­mogli la­terali. La ri­du­zione dell’irrigazione dopo la rac­colta può aiutare a li­mitare la cre­scita degli alberi troppo vi­gorosi.

Susine

Le susine eu­ropee sono ab­ba­stanza re­si­stenti al freddo, anche se tem­pe­rature di -4/-5 °C du­rante il ri­gon­fia­mento delle gemme e di –2/-3 °C du­rante la fio­ritura possono causare una ri­du­zione della pro­du­zione.

Albicocche

Temperature calde troppo precoci in pri­mavera fanno schiudere le gemme espo­nendo mag­gior­mente il rac­colto alle gelate tardive.
Temperature sotto i -4 °C possono dan­neg­giare le gemme quando stanno per schiu­dersi, se è di -2 °C possono dan­neg­giare i fiori.

Gli al­bi­cocchi pre­fe­ri­scono i climi re­la­ti­va­mente secchi. La pioggia a ri­dosso della rac­colta può pro­vocare fes­su­ra­zioni e mar­ciumi.

Ciliege

La re­si­stenza delle ci­liege al freddo è mag­giore di quella delle pesche, ma minore di quella delle susine eu­ropee.
Una tem­pe­ratura di -3 °C dan­neggia le gemme. I ci­liegi hanno un elevato rap­porto tra foglie e frutti e quindi questi due com­po­nenti sono in com­pe­ti­zione tra loro per as­si­cu­rarsi luce e nu­trienti.

Con Revotree puoi conoscere le temperature e le ore di freddo effettive nel tuo frutteto! Provalo!

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo agli amici:
Cosimo C
Sono un ingegnere elettronico, un commerciale mancato e amo il buon cibo. Sono convinto che con molta volontà, un pizzico di creatività e un po' di buon senso si possa fare tutto. Il mio mantra è: "Se non esiste lo dobbiamo inventare, se esiste lo possiamo fare meglio!"

Raccogliamo oggi per seminare domani

Prendi parte al nostro progetto, partecipa alla campagna crowdfunding!

Raccogliamo oggi per seminare domani

Prendi parte al nostro progetto, partecipa alla campagna crowdfunding!